Al Molto Reverendo Padre

Padre Giuseppe Belletti

Della Compagnia di Gesù

Faenza

Dalla Pia Casa della B.V. Addolorata

                                                                                              Coriano 3 Aprile 1850

Molto Reverendo Padre

Sono ben persuasa che avrà compreso il motivo per cui non abbia continuato a scrivere  […]

Lo scopo principale per cui le diriggo la presente, è per sapere se poi vogliono ricevere oltre le due Maestre Vestite anche una nostra Giovane scolara bastatemente istruita, onde servire in qualità di supplente, giacchè solo due non potrebbero soddisfare all’obbligo loro con quella premura che si desidera. Sul principio non si acconsentì all’invito della terza Maestra che si bramava sul riflesso che dovendo in breve aprirsi una nuova Scuola a Savignano, non avrei potuto privarmi di tre Maestre Vestite, ma ora ho pensato a questa Giovane la quale ho fondata speranza che sarà per fare ottima riuscita, avendo sempre frequentata la nostra Scuola; la quale potrà col tempo anche vestirsi quall’ora perseveri nella Sua Vocazione, contando al presente anni 19. Monsignor nostro vescovo è contento di aggiungere alle due Maestre la Giovane suddetta come pure lo sarà io spero la congregazione, di cotesto pio Stabilimento, giacchè considerate bene le cose si conoscerà che evvi da fare per tutte e tre avendo l’Educazione interna, ed esterna. Anche per la ridetta Giovanetta saravvi l’assegno che verrà fissato da Monsignor Vescovo per le due Maestre. A tenore adunque di questa mia stò in attesa di suo riscontro, onde possa regolarmi si io che quelle che verranno destinate a regolare la Pia Casa, se piacerà al Signore che si concluda l’affare.

            Mi raccomando con tutto l’impegno a non dimenticarsi di me e di tutte le mie Figlie presso il Signore mentre mi firmo con stima e rispetto

            Di V.Reverendissima

Umilissima, ed Obbligatissima ServaElisabetta Renzi

Tutte le Lettere